Archivi categoria: Comunicato

La SSU prende posizione

Colonnello Dominik Knill, presidente SSU. ASMZ-edizione  4-2022

La SSU condanna fermamente le palesi violazioni del diritto umanitario e internazionale ad opera delle parti belligeranti. I conflitti armati in Ucraina mostrano con tutta la loro brutalità che le guerre fra Stati non sono affatto un ricordo del passato. L’importanza della sicurezza è di nuovo aumentata nella percezione pubblica. Ma questa sicurezza non è gratis. È giunto il momento di aumentare di nuovo le spese militari.

Continua a leggere

Comunicato stampa Assemblea dei delegati 2022: La SSU si aspetta leadership politica in situazioni di crisi

Frauenfeld, 12 marzo 2022 – Il capo del DDPS, la Consigliera federale Viola Amherd, e il Capo dell’Esercito, cdt c Thomas Süssli, hanno reso omaggio alla Società svizzera degli ufficiali (SSU) a Frauenfeld. I messaggi di saluto si sono concentrati sulle nuove realtà della politica di potenza e sulle conseguenze per l’Esercito svizzero. La sicurezza ci riguarda tutti e non deve diventare una pedina nella politica interna svizzera. Il Coronavirus ci ha mostrato quanto sia necessaria una buona gestione della crisi. La proiezione di potenza da parte della Russia pone grandi sfide al nostro ordine securitario. La SSU si aspetta una forte leadership da parte della politica e dell’Esercito.

Continua a leggere

Marciare separatamente, colpire uniti.

Colonnello Dominik Knill, presidente SSU. ASMZ-edizione 11-2021

Le museruole nella formazione delle opinioni sono un male per la nostra cultura del dibattito. La libertà di espressione è un diritto fondamentale che spetta a tutti. La Costituzione federale svizzera statuisce che “ogni persona abbia il diritto di formare liberamente la propria opinione e di esprimerla e di diffonderla senza limiti » .

Continua a leggere

Comunicato stampa: Assemblea dei delegati SSU del 28 agosto 2021

La Società Svizzera degli ufficiali (SSU) si preoccupa del modello di successo del sistema di milizia.

Delémont, 28. agosto 2021  In occasione dell‘odierna Assemblea dei delegati della SSU a Delémont (JU), la responsabile del DDPS, la consigliera federale Viola Amherd, ha sottolineato oggi i cambiamenti politici e di potere in Svizzera. Il nostro Paese deve essere preparato a diversi scenari. La sicurezza costa, ed é per questo che sono necessari grandi investimenti. La SSU, che ha eletto un nuovo presidente nella persona del colonnello Dominik Knill (Canton Turgovia) per succedere al colonnello SMG Stefan Holenstein, è sempre più preoccupata per i problemi di reclutamento nelle forze armate e nella proteziome civile, nonché per la strisciante erosione del sistema di successo della nostra milizia.

Continua a leggere

Prendiamoci cura del nostro sistema di milizia!

Col SMG Stefan Holenstein, presidente SSU. ASMZ-edizione 09-2021

Il sistema di servizio obbligatorio svizzero si basa sul principio della milizia. Questo è considerato un pilastro centrale della Svizzera, insieme alla democrazia diretta, al federalismo, alla neutralità e alla concordanza. Il nostro esercito di milizia si basa sull’idea di unità che collega il cittadino al soldato. Il principio della milizia fa parte dell’immagine della Svizzera. Ha bisogno di una “revisione generale” o è addirittura alla sua fine, come pensano alcuni? No, è la risposta della Società Svizzera degli Ufficiali (SSU). Tuttavia, sembra necessario un ulteriore sviluppo.

Continua a leggere

Newsletter SSU I/21

Contenuto
1. Alimentazione esercito / protezione civile: il servizio del cittadino come soluzione inadeguata
2. La SSU accoglie con favore la decisione sul tipo d’aereo da combattimento del Consiglio federale del 30.06.2021
3. Procedura di consultazione sul rapporto sulla politica di sicurezza del Consiglio federale
4. Progetto SSU Forze Armate ed inclusione delle donne
5. SSU con un ruolo importante nella nuova “Alleanza Sicurezza Svizzera”
6. Assemblea dei delegati SSU 28.08.2021 a Delémont JU
7. Grazie mille e arrivederci!

Continua a leggere

Comunicato stampa – La decisione sul tipo è stata presa – il Consiglio federale mostra coraggio e leadership!

Berna, 30 giugno 2021. – La Società Svizzera degli Ufficiali (SSU) accoglie con favore la decisione coraggiosa e di vasta portata del Consiglio federale di acquistare 36 aerei da combattimento F-35A dal produttore americano Lockheed Martin. Il Consiglio federale ha basato la sua decisione su una valutazione tecnica completa e professionale dei quattro tipi di jet da combattimento, che secondo la SSU soddisfano tutti i requisiti minimi. Nella valutazione, tuttavia, l’F-35A ha ottenuto di gran lunga il più alto beneficio complessivo e allo stesso tempo i costi totali più bassi. La decisione BODLUV del tipo Patriot del produttore statunitense Raytheon incontra pure l’approvazione della SSU.

Continua a leggere

Nonostante la tensione prima della decisione sul tipo – rimaniamo rilassati

Col SMG Stefan Holenstein, presidente SSU. ASMZ-edizione 07-2021

Il Consiglio federale deciderà sul tipo di nuovo jet da combattimento il 30 giugno o al più tardi il 6 luglio, ultima riunione prima delle vacanze estive. Un’alleanza del PS, dei Verdi e del Gruppo per una Svizzera senza esercito (GSoA) vuole bloccare l’acquisto di jet da combattimento americano con un’iniziativa popolare, se necessario. Ma questo gesto minaccioso non causa nessuna preoccupazione alla Società Svizzera degli Ufficiali (SSU).

Continua a leggere

Ulteriore sviluppo del sistema di servizio obbligatorio con varianti vere o false

Col SMG Stefan Holenstein, presidente SSU. ASMZ-edizione 06-2021

Nell’ambito dei lavori in corso del DDPS sul rapporto sull’approvvigionamento delle forze armate e della protezione civile, il gruppo di lavoro ha anche elaborato delle varianti di un ulteriore sviluppo a lungo termine del sistema di servizio obbligatorio. La Società Svizzera degli Ufficiali (SSU) ha recentemente discusso le idee presentate in un “sounding board” con le cerchie interessate. Tuttavia, l’orientamento di base è stato rapidamente chiaro per la SSU.

Continua a leggere