Comunicato stampa della SSU sulla presentazione dell’iniziativa popolare “Stop F-35”

16 agosto 2022

La Società svizzera degli ufficiali (SSU) prende atto che l’alleanza sinistra-verde, sotto la guida del Gruppo per una Svizzera senza Esercito, il 16 agosto 2022 ha presentato l’iniziativa popolare “Stop F-35”. Il 27 settembre 2020 i cittadini votanti hanno approvato il credito quadro per i nuovi aerei da combattimento, anche se con un margine ridotto. Il tentennamento del comitato promotore è irresponsabile e difficilmente giustificabile nei confronti di una popolazione attenta alla sicurezza. Giustificano la loro azione dicendo che fanno uso degli strumenti democratici. Così facendo, però, vogliono impedire alla Svizzera di dotarsi di una forza aerea moderna ed efficace. L’iniziativa “Stop F-35” va chiaramente e inequivocabilmente respinta. Non tutto ciò che è lecito è anche legittimo. La SSU condanna fermamente le palesi violazioni del diritto umanitario e internazionale nella guerra in Ucraina. Gli attacchi al sistema globale di pace liberale e alla nostra società dei valori, da parte di una politica di potenza sempre più autoritaria, mettono in pericolo la sicurezza, la democrazia e la libertà in Svizzera e in Europa.

La SSU chiede al Parlamento e al Consiglio federale di prendere decisioni rapide e chiare, affinché il contratto di acquisto per i 36 F-35A possa essere firmato con effetto vincolante prima che l’offerta scada alla fine di marzo 2023. Se l’iniziativa popolare dovesse essere sottoposta a votazione in un secondo momento, la SSU la combatterà con coerenza e determinazione. La SSU è impegnata a creare un esercito di milizia forte e credibile, che deve essere ben equipaggiato, ben finanziato e ben addestrato.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.