Comunicato stampa – L’inclusione delle donne – importante e urgente per il futuro dell’esercito di milizia!

Berna, 8 marzo 2021 – La Società Svizzera degli Ufficiali (SSU) promuove attivamente da anni misure per la promozione delle donne nell’esercito. Considera il tema dell’inclusione delle donne non solo rilevante per la politica di sicurezza, ma anche importante e urgente per il futuro dell’esercito di milizia. Per questo ha lanciato il progetto “Forze armate e inclusione delle donne” alla fine del 2020. La SSU accoglie quindi con favore il rapporto pubblicato oggi dal DDPS nella Giornata Internazionale della Donna e le misure che contengono l’inclusione delle donne nelle forze armate.

La promozione delle donne nell’esercito di milizia è stata una delle principali preoccupazioni della SSU per anni, ed è per questo che ha ripetutamente proposto al DDPS misure concrete e attuabili. Tuttavia, questi non sono ancora stati presi in considerazione, così che la percentuale di donne nelle forze armate rimane costantemente ben al di sotto della soglia dell’1%. Gli sviluppi sociali e l’anniversario “50 anni di suffragio femminile 2021” hanno spinto la SSU a fare un passo avanti e a riorganizzarsi alla fine del 2020. La SSU sta ora sviluppando informazioni e argomenti insieme ai suoi membri e rendendo queste informazioni sulle forze armate liberamente accessibili a tutte le parti interessate su una piattaforma generalmente accessibile. La SSU ha deliberatamente scelto l’importante progetto di politica di sicurezza “https://sog.ch/projekt-armee-und-fraueninklusion/ ‎” per il primo di questi progetti. Così facendo, vuole inviare un segnale chiaro.

Benvenuto rapporto del DDPS per più donne nelle forze armate
In questo contesto, la SSU accoglie con favore il rapporto presentato oggi dal DDPS e le misure che elenca per l’inclusione e l’aumento della percentuale di donne nelle forze armate. In particolare, sosteniamo le misure di comunicazione e di informazione proposte nel rapporto, le misure per migliorare la compatibilità tra servizio militare, formazione, carriera e famiglia, e soprattutto gli adeguamenti strutturali degli alloggi e dei locali, attesi da tempo. Considera anche ragionevole il ristabilimento di un ufficio per le donne all’interno delle forze armate.

Punto debole del rapporto: nessuna giornata di orientamento per le donne
Notiamo per contro e con rammarico che l’importante giornata di orientamento obbligatorio per le donne, basata sul breve rapporto Schindler/Egli citato nel rapporto, ancora una volta non riesce a superare l’ostacolo della modifica costituzionale. La SSU è consapevole di questo problema, ma avrebbe preferito che un altro avvocato costituzionale fosse stato incaricato di redigere una nuova perizia in alternativa.

La SSU si aspetta ora che le misure proposte nel rapporto siano affrontate e attuate rapidamente. La SSU è felice di cooperare nei gruppi di lavoro del DDPS come richiesto. L’obiettivo della SSU è quello di garantire che il suo progetto “Forze armate e inclusione delle donne” e le misure del DDPS per aumentare la percentuale di donne nelle forze armate si traducano il più rapidamente possibile in un valore aggiunto per la causa comune, importante in ultima istanza anche in termini di politica di sicurezza.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.