Archivio mensile:Giugno 2020

Comunicato stampa – Decisione deplorevole da parte del Parlamento!

Berna, 19 giugno 2020 – La Società Svizzera degli Ufficiali (SSU) prende atto con grande rammarico del sorprendente rifiuto della revisione della Legge sul servizio civile (LSC) nell’ultimo giorno di seduta di oggi. Ciò significa che il Parlamento sta aprendo inutilmente un cantiere e sta quindi mettendo in discussione il precedente modello di successo di un esercito e di un sistema di milizia. La SSU si aspetta ora che il Consiglio federale e il Parlamento trovino nuove vie e soluzioni per uscire rapidamente da questa situazione di stallo.

La SSU si dice essere completamente sorpresa di apprendere della decisione del Parlamento di rinunciare all’inasprimento dello LSC con otto misure. Ciò conferma il diritto di fatto dei giovani svizzeri di scegliere tra il servizio militare e quello civile. La triade dei militari, della protezione civile e del servizio civile, che ha dimostrato il suo valore in linea di principio, è sempre più squilibrata. Le due organizzazioni iniziali di dispiegamento, le forze armate e la protezione civile, hanno dimostrato il loro valore in operazioni legati al COVID-19 con 5.000 militari e altrettanti del personale della protezione civile. Il servizio civile ha svolto solo un ruolo complementare in questo tipo d’impiego. Con la decisione di oggi, però, il problema degli effettivi si aggraverà ulteriormente sia per le forze armate che per la protezione civile.

Tuttavia, la SSU non vede solo gli effettivi messi in discussione, ma anche il modello di successo dell’esercito di milizia e del sistema di milizia in generale, tanto invidiato all’estero. Con la decisione odierna sullo LSC, il Parlamento lo mette indirettamente in discussione. Dal punto di vista della SSU, questo significa: fermare il tutto e analizzarlo di nuovo! Ci aspettiamo ora che il Consiglio federale e il Parlamento propongano nuove soluzioni e opzioni per il mantenimento del servizio militare generale obbligatorio ai sensi dell’articolo 59 della Costituzione federale, ancora valido dal punto di vista costituzionale.

Sia per Corona che per la difesa aerea: l’Esercito deve essere pronto !

Col SMG Stefan Holenstein, président SSO. ASMZ-edizione 06-2020.

Durante la crisi „Corona“, l’Esercito ha finora superato bene la prova storica. Qualcosa può ancora essere migliorato. Soprattutto però la crisi ci insegna che valga la pena essere pronti ad ogni eventualità. Anche per quanto concerne la difesa aerea. La Società Svizzera degli Ufficiali (SSU) è pronta a combattere per la votazione circa gli aeroplani da combattimento il 27. Settembre 2020 ! Continua a leggere