Air2030: è in vista una buona soluzione, tempestiva e che può incontrare il consenso della maggioranza

Comunicato stampa

Berna, 2. maggio 2019. – La Società Svizzera degli Ufficiali (SSU) ha preso atto con interesse dei 3 rapporti aggiuntivi che la Signora Consigliera Federale Viola Amherd ha richiesto circa il programma Air2030. Dal punto di vista politico si profila per Air2030 in generale una buona e tempestiva soluzione che può incontrare il consenso della maggioranza.

Rapporti aggiuntivi documentati
L’analisi allestita nel contesto del rapporto sulla minaccia, constata correttamente che il proprio spazio aereo debba essere protetto prioritariamente e che per i relativi progetti d’acquisizione esista una necessità d’azione impellente.

Inoltre la SSU, sulla base di considerazioni politiche, approva la raccomandazione così come portata da Claude Nicollier, ovvero di prevedere una nuova decisione di pianificazione la quale si orienti soltanto sull’acquisizione di aerei da combattimento e non anche riguardo ai mezzi per la difesa aerea basata a terra. Importante è pure il mantenimento del piano temporale definito con una possibile votazione sul referendum al più tardi nell’autunno 2020. Per contro l’opzione 2 raccomandata da Nicollier, con l’acquisizione sostitutiva di circa 40 moderni aeroplani da combattimento, corrisponde soltanto alla variante minima richiesta dalla SSU.

Infine con la valutazione effettuata da Kurt Grüter concernente gli affari di compensazione Offset di meno del 100%, la SSU non trova il suo completo accordo: anche in prospettiva futura essa ritiene piuttosto una compensazione offset del 100% un’opzione più sensata e lungimirante per la base dell’industria dell’armamento svizzera.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.